WP_Query Object ( [query] => Array ( [s] => Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil [review_category] => ) [query_vars] => Array ( [s] => Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil [review_category] => [error] => [m] => [p] => 0 [post_parent] => [subpost] => [subpost_id] => [attachment] => [attachment_id] => 0 [name] => [static] => [pagename] => [page_id] => 0 [second] => [minute] => [hour] => [day] => 0 [monthnum] => 0 [year] => 0 [w] => 0 [category_name] => [tag] => [cat] => [tag_id] => [author] => [author_name] => [feed] => [tb] => [paged] => 0 [meta_key] => [meta_value] => [preview] => [sentence] => [title] => [fields] => [menu_order] => [embed] => [category__in] => Array ( ) [category__not_in] => Array ( ) [category__and] => Array ( ) [post__in] => Array ( ) [post__not_in] => Array ( ) [post_name__in] => Array ( ) [tag__in] => Array ( ) [tag__not_in] => Array ( ) [tag__and] => Array ( ) [tag_slug__in] => Array ( ) [tag_slug__and] => Array ( ) [post_parent__in] => Array ( ) [post_parent__not_in] => Array ( ) [author__in] => Array ( ) [author__not_in] => Array ( ) [post_type] => Array ( [0] => post [1] => review ) [ignore_sticky_posts] => [suppress_filters] => [cache_results] => 1 [update_post_term_cache] => 1 [lazy_load_term_meta] => 1 [update_post_meta_cache] => 1 [posts_per_page] => 10 [nopaging] => [comments_per_page] => 50 [no_found_rows] => [search_terms_count] => 10 [search_terms] => Array ( [0] => Salon [1] => du [2] => Livre [3] => et [4] => de [5] => la [6] => Presse [7] => Jeunesse [8] => Montreuil ) [search_orderby_title] => Array ( [0] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Salon{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [1] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}du{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [2] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Livre{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [3] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}et{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [4] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}de{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [5] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}la{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [6] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Presse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [7] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Jeunesse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' [8] => wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Montreuil{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' ) [order] => DESC ) [tax_query] => WP_Tax_Query Object ( [queries] => Array ( ) [relation] => AND [table_aliases:protected] => Array ( ) [queried_terms] => Array ( ) [primary_table] => wp_posts [primary_id_column] => ID ) [meta_query] => WP_Meta_Query Object ( [queries] => Array ( ) [relation] => [meta_table] => [meta_id_column] => [primary_table] => [primary_id_column] => [table_aliases:protected] => Array ( ) [clauses:protected] => Array ( ) [has_or_relation:protected] => ) [date_query] => [queried_object] => [queried_object_id] => [request] => SELECT SQL_CALC_FOUND_ROWS wp_posts.ID FROM wp_posts WHERE 1=1 AND (((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Salon{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Salon{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Salon{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}du{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}du{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}du{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Livre{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Livre{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Livre{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}et{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}et{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}et{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}de{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}de{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}de{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}la{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}la{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}la{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Presse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Presse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Presse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Jeunesse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Jeunesse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Jeunesse{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}')) AND ((wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Montreuil{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Montreuil{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}') OR (wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Montreuil{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}'))) AND (wp_posts.post_password = '') AND wp_posts.post_type IN ('post', 'review') AND (wp_posts.post_status = 'publish') ORDER BY (CASE WHEN wp_posts.post_title LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' THEN 1 WHEN wp_posts.post_excerpt LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' THEN 4 WHEN wp_posts.post_content LIKE '{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil{67a35f31302b66d4692089140df098f7d7539dfeda7d9d1b5b007c08fb169a8b}' THEN 5 ELSE 6 END), wp_posts.post_date DESC LIMIT 0, 10 [posts] => Array ( [0] => WP_Post Object ( [ID] => 10332 [post_author] => 3 [post_date] => 2018-10-01 12:21:04 [post_date_gmt] => 2018-10-01 10:21:04 [post_content] => È giunto al termine in queste settimane “Transbook. Children’s literature on the move”, un progetto europeo finanziato dal programma Creative Europe e finalizzato alla promozione dell’internazionalizzazione e della transizione al digitale dell’editoria per ragazzi. Il progetto ha messo insieme per 4 anni 7 partner provenienti da altrettanti paesi europei (Belgio, Germania, Italia, Francia, Slovacchia, UK e Spagna) e impegnati in ambiti che intersecano l’industria del libro, l’educazione e le arti visive, affinché supportassero autori e artisti a sperimentare nuove tecniche e nuovi modelli di business ed esplorassero strade innovative per far incontrare il pubblico con la letteratura. transbook

I partner

Tra i partner di Transbook figurano due importanti fiere del libro per ragazzi - il Salon du livre et de la presse jeunesse di Montreuil e la Europäische Kinder - und Jugendbuchmesse di Saarbrücken e il Literárne Informačné Centrum di Bratislava che promuove la letteratura slovacca a livello internazionale. Accanto a loro, tre realtà che favoriscono la cultura di bambini e ragazzi attraverso la letteratura e le arti visive, come l’associazione bolognese Hamelin, la spagnola Tantàgora che ospita il festival per ragazzi FLIC e il laboratorio belga ABC - Art Basics for Children. Unica casa editrice tra i partner, la londinese Nobrow è specializzata in fumetti e graphic novels (sono loro che hanno pubblicato la serie del Professor Astrogatto, da cui Minilab ha poi sviluppato una bellissima app).

Gli eventi: mostre, laboratori e artisti 'on the move'

Transbook si è articolato in una serie di eventi e iniziative che vanno dai convegni alle mostre, dalle masterclass di formazione ai laboratori per bambini, dai progetti educativi a quelli per favorire la mobilità degli artisti. Quasi un centinaio gli autori e illustratori coinvolti a vario titolo nel progetto, tra cui Serge Bloch, David Wiesner, Chris Haughton, Steven Guarnaccia, Anouck Boisrobert e Louis Rigaud (autori di Oh!), Julie Stephen Chheng (l'autrice di Pioggia a mezzogiorno) - e Lucas Zanotto (autore di Loopimal e Bandimal). transbook La mostra itinerante “La règle et le jeu” ha messo in scena un percorso di lettura sensoriale e interattivo interamente concepito a misura di bambino, con libri da toccare, pagine da far suonare come piatti di una batteria, disegni «animati», a dimostrazione che leggere può voler dire anche toccare, ascoltare, manipolare, scrollare e coinvolgere la fantasia e il corpo del lettore in azioni totalmente inattese. transbook Dal progetto è nato anche un numero speciale della rivista di Hamelin intitolato “Figure in movimento”, che esplora il concetto e le possibilità di lettura a confronto con i nuovi dispositivi digitali:
“Ci si è chiesti dove si situi esattamente la multimedialità di una esperienza di lettura, se nell’oggetto, a cui si presta sempre più attenzione, o nel soggetto che legge e nella sua capacità e responsabilità immaginativa.”
Per rispondere a questi interrogativi, Stefano Ricci parte da un documentario di Werner Herzog sul ritrovamento di pitture murali preistoriche per creare un parallelo con l’odierna multimedialità; Alberto Sebastiani cita invece Italo Calvino per mostrare come il supporto influenzi l’esperienza di lettura, mentre Sophie Van Linden analizza il rapporto tra digitale e cartaceo nell’albo illustrato. Gli autori, così come chiunque si occupi oggi di digitale per ragazzi, si confrontano con l’ineludibile e sfuggente interrogativo:
“Il libro è un libro, si legge. Ma con l’app cosa si fa?”
    [post_title] => Transbook. Un progetto UE esplora la letteratura per l'infanzia nell'era del digitale [post_excerpt] => È giunto al termine in queste settimane “Transbook. Children’s literature on the move”, un progetto europeo finanziato dal programma Creative Europe e finalizzato alla promozione dell’internazionalizzazione e della transizione al digitale dell’editoria per ragazzi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => transbook-un-progetto-ue-esplora-la-letteratura-linfanzia-nellera-del-digitale [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-10-03 12:10:53 [post_modified_gmt] => 2018-10-03 10:10:53 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.mamamo.it/?p=10332 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [1] => WP_Post Object ( [ID] => 9876 [post_author] => 15 [post_date] => 2018-06-28 18:35:09 [post_date_gmt] => 2018-06-28 16:35:09 [post_content] =>

Di cosa si tratta: un albo illustrato e un'app

Volumique è una casa editrice guidata da Étienne Mineur, pioniere della creazione digitale in Francia, che sviluppa progetti di giochi e libri, giocando sull’interazione tra carta e digitale, sulla sperimentazione e sulla realizzazione sovente di prodotti ibridi, utilizzabili in forme diverse. È il caso di questa applicazione che nasce nell’ambito di Transbook di cui era parte il Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil da cui, insieme ad altri quattro progetti, ha ricevuto un sostegno alla realizzazione nel 2014. Julie Stephen Chheng, che lo ha concepito, lavora da tempo con grande cura e originalità anche sul rapporto tra carta e digitale e sulla contaminazione.  Basti pensare a Les aventures du petit train postal, un kit per costruire paesaggi interattivi e condividerli spedendoli via posta: contiene 25 forme di cartoncino colorato, 5 fermacampioni e 5 buste; permette di assemblare i pezzi in paesaggi a piacere e poi di animarli inquadrandoli con lo smartphone su cui è stata caricata l'app Moving cards. Qui è andata oltre: ha pensato a un albo illustrato e a una applicazione che si possano utilizzare sia separatamente sia insieme. L’albo La pluie à midi, disponibile solo in francese, è di piccolo formato, con fustelle e pagine di dimensioni diverse che danno ritmo e senso all’azione; narra la storia di Joe, piccolo pesce rosso che ha trovato una pinna posticcia e se ne va fiero in giro a fianco degli squali. Quando un temporale se la porta via, parte in ricerca trovando improbabili oggetti e animali che sembrano adatti, ma si rivelano ben altro. Joe è deluso, si sente inadeguato proprio come la balena che incontra alla fine della storia. Il pesce rosso la rassicura: lei va bene così com’è. Poi riprende coraggio e speranza e riparte, forte anche senza pinna. libro-app-pioggia-a-mezzogiorno

Ci piace perché integra carta e digitale

L’app è senza parole e non ne necessita, tanto è intuitiva: chi la usa accompagna Joe nella sua ricerca attraverso un universo stupefacente; Thomas Pons ha disegnato sessanta pesci diversi in cinque ambientazioni differenti (giorno, notte, sotto la pioggia, il temporale o la neve) che occorre trovare – e a volte non è così semplice! – per poter assistere alla sfavillante e meravigliosa parata finale. Sono inseriti all’interno dell’app anche quattro giochi in cui bisogna aiutare Joe per poter avanzare. Come già detto, app e libro sono utilizzabili e assolutamente godibili separatamente; se invece possedete la versione cartacea, potete staccare le parti in cartone nelle pagine iniziali e posizionare sullo schermo, quando richiesto, i vari tipi di pinna. L’attenzione di Julie si vede anche dal fatto che sono presenti tre kit di pinne in cartone, per tablet o per smartphone con schermo piccolo o grande. pioggia-a-mezzanotte-app-3 Quando l’ho intervistata per Andersen nel 2016, Julie ha voluto sottolineare come molti dei prototipi da lei realizzati, prima ancora dei progetti fattivi, fossero basati sulla possibilità da parte di chi legge di essere parte integrante dell'azione e di sviluppare una narrazione tramite le scelte.
“Penso di essere stata influenzata per gran parte dai libri di cui si può essere protagonisti, ma anche dai libri le cui pagine sono tagliate in tre pezzi per poter comporre immagini all'infinito [i libri mix-and-match o méli-mélo o pêle-mêle] e dai puzzle, così come dai racconti e delle immagini che rimandano a combinazioni casuali diverse, che generano possibilità e sorprese che trovo molto poetiche. Sono una grande fan di Bruno Munari e di Katsumi Komagata che trovano nella casualità e nella combinazione il motore dell'immaginazione, della spazialità e della narrazione. Mettere l'interazione col lettore al centro di un progetto è un buon modo per sottoporre storie e nozioni, perché si permette al bambino di compiere dei gesti, di immaginarne altri, di sentire e vedere la carta che si muove e di interagire con essa, utilizzando tutti i sensi per imparare e per sognare”.
pioggia-a-mezzanotte-app-3 pioggia-a-mezzanotte-app-6 L'app Pioggia a mezzogiorno ci piace dunque perché sintetizza in modo perfetto la possibilità di integrare carta e digitale e di realizzare due progetti complementari, non ripetitivi e comunque autonomi, senza obbligo di acquisto di entrambi.

Perfetta per ...

... l’estate. Un’esplosione di colori, ambientazione marina, sessanta tipi di versi di pesci e un’avventura in cui sentirsi protagonisti! https://player.vimeo.com/video/218379793?title=0&byline=0&portrait=0 Pioggia a mezzogiorno. Sviluppatore: Éditions Volumique e Ex Nihilo. Requisiti: richiede iOS 6.0 o versioni successive. Compatibile con iPhone, iPad e iPod touch / Android versione 2.3 e successive. Lingue: varie, tra cui italiano. Prezzo: 2,29 € su App Store e Google Play [post_title] => Pioggia a mezzogiorno, la storia di Joe tra mare, app e libro [post_excerpt] => Un albo illustrato e a un'applicazione che si possano utilizzare separatamente o insieme, per scoprire la storia di Joe, pesce rosso che ha trovato una pinna posticcia e se ne va fiero in giro con gli squali. Narrazione, giochi e interattività senza parole, in un'esperienza che utilizza tutti i sensi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => pioggia-mezzogiorno-la-storia-joe-mare-app-libro [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-06-28 19:27:23 [post_modified_gmt] => 2018-06-28 17:27:23 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.mamamo.it/?post_type=review&p=9876 [menu_order] => 0 [post_type] => review [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [2] => WP_Post Object ( [ID] => 11212 [post_author] => 8 [post_date] => 2018-12-11 17:38:37 [post_date_gmt] => 2018-12-11 15:38:37 [post_content] => Alle porte di Parigi si è conclusa da pochissimo la 34esima edizione del Salon du livre et de la presse jeunesse en Seine-Saint-Denis, il riferimento del mondo editoriale francofono per bambini e ragazzi. Potremmo parlare di manifestazione, di salone, di kermesse, ma forse quest'anno si è trattato di qualcosa di più; credo che sarà un'edizione storica per la presa di posizione, anche politica e civilmente impegnata, che ne è emersa. Il tema di quest'anno, Nos futurs, si è manifestato in molteplici ambiti, tanto nelle immagini del muro degli illustratori come negli incontri dedicati ai ragazzi delle scuole, e anche in alcune pubblicazioni della Sélection Création numérique, il premio dedicato alle creazioni digitali. Dunque esaminiamo cinque belle Pépites numériques.

Grande Gatto Piccolo Gatto conquista una Pépite

C'è, con personale soddisfazione, l'app Grand Chat Petit Chat, la conversione francese di Grande Gatto Piccolo Gatto degli editori italiani Minibombo; i 5 adattamenti dal loro catalogo sono tutti azzeccati ma questa, in particolare, oltre ad essere bella, è concettualmente un esempio perfetto per capire come una storia può transitare da un supporto cartaceo a uno elettronico, cambiando il passo di danza e di linguaggio. grande gatto piccolo gatto

Rat et les animaux moches: libro più app con realtà aumentata

Dai gatti ai topi il passo è breve. Editions Delcourt ha pubblicato il libro Rat et les Animaux Moches che arriva alla nostra attenzione per l’eleganza dell’illustrato e la simpatia della storia. In una casa molto carina vive Rat (Topo) ma la sua presenza non è gradita alla padrona di casa che inizia a prenderlo a bastonate per cacciarlo (anche qui torna #nos futurs, il tema dell'accoglienza, della ricerca di un luogo), così lui decide di andarsene. Vaga venendo sempre respinto, finché non arriva in un posto piuttosto strano, tutto nero: sembra notte ma qualcosa si intravede. È arrivato nel Paese degli Animali Brutti che fanno un po’ paura. Questi bruttoni lo accolgono diventando suoi amici e Rat dovrà trovare il modo di alleviare le loro grandi tristezze e preoccupazioni. [embed]https://www.youtube.com/watch?v=8ry4WrPue6A[/embed] Il cartaceo, dalle splendide illustrazioni a matita in bianco e nero di Jérome d’Aviau, è arricchito dalle animazioni che si generano tramite l'app di riferimento concepita con la Realtà Aumentata. Troviamo così il topolino in variante super vivace immerso in un contesto interattivo che offre anche la lettura del testo; infine, per i più piccini, un suono indica il momento in cui voltare pagina.

Progetto Piafs: 15 illustratori per altrettante immagini da animare

I segni di apprezzamento della giura verso la realtà aumentata (AR) non si sono fermati al libro delle Editions Delcourt e il progetto Piafs rappresenta un altro incredibile esempio. È successo che la rivista di riferimento per l’illustrazione contemporanea Le Journal Errratum e Maison Tangible, laboratorio di immagini e oggetti grafici, si sono attivate per proporre insieme una batteria di interpretazioni formidabili di divertenti uccelli parigini, che non sono altro che i parigini stessi nei loro più noti cliché: merlo hipster, rondine che beve un caffè in terrazza, anatre all’ "Aquaboulevard". Quindici illustratori di talento per quindici immagini da animare tramite l’app per quindici modi di vedere i francesi metropolitani, ed evviva l'ironia! Inoltre, con il materiale grafico di questo progetto - la cui realizzazione è stata possibile grazie ad un florido finanziamento collettivo - sono state allestite mostre itineranti (e altre sono in programma) e le illustrazioni in 4 differenti formati sono disponibili sull’e-shop per poter vedere animati in casa propria le cartoline oppure il poster appeso al muro. [embed]https://vimeo.com/260025848[/embed] L'aspetto interessante, a mio avviso, è questo: che un Salone del libro riconosca e sostenga la Realtà Aumentata come estensione artistica oltre le pagine dei libri per ragazzi e la segnali perché fa vivere immagini in un formato cartolina, in locandina piccola o grande, o in un poster.

Sauvons le Louvre

Altro contenuto utile, anche se già uscito da qualche anno e solo in francese, è il gioco interattivo Sauvons le Louvre realizzato dal documentario storico originale “Illustre & Inconnu, Comment Jacques Jaujard a sauvé le Louvre” che fu trasmesso da France 3 nel 2014. [embed]https://www.youtube.com/watch?v=6d2Dt58ICTs[/embed] Non mi è stato possibile rintracciare il gioco sul web ma, grazie ai video qui sopra e ad altri disponibili, possiamo intuire il motivo per cui questo strumento è stato premiato. L'utente è attivo nei panni di Jacques Jaujard, direttore dei Musei Nazionali di Francia durante l'occupazione tedesca, e il suo ruolo è ben delineato: il giocatore deve, attraverso una prima fase “politica” ed una successiva “strategica”, mettere in campo astuzia, diplomazia e quando serve anche la menzogna per sottrarre al saccheggio e alla distruzione l'inestimabile patrimonio artistico raccolto al Louvre durante la Seconda Guerra mondiale. Rispondere, depistare il nemico, nascondere le opere d'arte e trasferirle in depositi segreti sparsi sul territorio, è un'attività totalmente immersiva che insegna la storia in un contesto vivo fra criminali, nozioni storiche, figure della resistenza e soldati tedeschi. Qui una lunga intervista (in francese) ad un professore di storia e geografia che usa i videogiochi per fare didattica alle superiori.

Signeveil: un'app per l'inclusione, con la lingua dei segni

signeveil app Infine, se in Italia per raccontare storie alle persone sorde esistono pubblicazioni come quelle della cooperativa Il Treno (raccontate con la lingua dei segni italiana, la LIS), qui, la giuria ha scelto di portare l'attenzione del pubblico su contenuti digitali espressamente creati per l'inclusione. L'app Signeveil si scarica gratuitamente e permette ai bambini di capire e di utilizzare la lingua dei segni francese, la LSF, in modo intuitivo e interattivo, grazie al 3D. È un animale ad illustrare il gesto per spiegare un centinaio di parole con una resa eccellente perché - grazie alle tecniche di cattura del movimento dal reale - i punti di riferimento spaziali e la velocità d'esecuzione sono fedelmente riprodotti a vantaggio dell'apprendimento dei più piccoli, peculiarità che ha dato riscontri molto positivi. Buone storie a tutti, di carta, di pixel e di vita! [post_title] => Salone di Montreuil: ecco le Pépites numériques [post_excerpt] => Alle porte di Parigi si è conclusa da pochissimo la 34esima edizione del Salon du livre et de la presse jeunesse en Seine-Saint-Denis, il riferimento del mondo editoriale francofono per bambini e ragazzi. Il tema di quest'anno, Nos futurs, si è manifestato anche in alcune pubblicazioni della Sélection Création numérique, il premio dedicato alle creazioni digitali. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => pepites-numeriques-digitale-ragazzi-salon-montreuil [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-12-19 12:03:15 [post_modified_gmt] => 2018-12-19 10:03:15 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.mamamo.it/?p=11212 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [3] => WP_Post Object ( [ID] => 1390 [post_author] => 8 [post_date] => 2016-12-12 10:26:28 [post_date_gmt] => 2016-12-12 09:26:28 [post_content] =>

Salone-del-libro-di-Montreuil

A un anno di distanza dagli attentati di Parigi, la trentaduesima edizione del Salon du livre et de la presse jeunesse, ha aperto le porte a un pubblico vasto e apparentemente sereno (nonostante i nuovi metal detector all’ingresso) e ha ripreso il suo ruolo di luogo di promozione della lettura, di spazio per novità e proposte di lettura per i giovani e di centro per la diffusione degli strumenti multimediali del vasto campo dell’editoria specializzata per ragazzi.

Ho trovato un salone nuovamente movimentato, scuole in visita, famiglie con bambini paonazzi, adolescenti in lunghe file per la dedica, giovani adulti in lunghe file per l’autografo.

Due piani di stand più la bella mostra La règle et le jeu.
Sembra impossibile, data la ricchezza e la varietà, che comprenda esclusivamente editori di area francofona, dai giganteschi ai più piccoli, tutti o quasi, presenti per proporre novità, pubblicazioni, autori, idee. 

. I progetti

Numerosi e interessanti i progetti: le riviste per ragazzi Georges e Baika, i tanti portali con servizi per le biblioteche, i negozi e le biblioteche on line per tutti - inclusi bambini con bisogni speciali (Livres Accès), il sito Madmagz per creare contenuti a scuola in modo semplice e collaborativo fra studenti. 

E Premierpages, progetto per avvicinare e supportare i piccolissimi alla lettura in famiglia; Mon oeil serie di brevi video o animazioni, progettato dal Centre Pompidou, per far scoprire ai bambini le opere della collezione. E ancora, con l’intento di abbattere le pile di cd favorendo l’ascolto di musica e storie, Munki con un buon catalogo per biblioteche nido e materna, tutto per piccole orecchie attente. 

La Ruche Transbook, la zona dedicata al digitale, ampliata e rinnovata negli spazi e negli arredi, quest’anno è appartata dietro le quinte, purtroppo sempre esposta ad un certo brusio ma con postazioni ad altezza bambino di due anni.


 

Pratica e divertente la soluzione adottata per consentire anche ai più piccoli di servirsi dei tablet in autonomia, un salone è anche questo: permettere una buona fruizione in una decorosa situazione.
Per quanto riguarda le nuove tendenze e proposte di app e ebook, segnalo Popapp il già noto portale-raccolta del Salone, che si è arricchito e offre una buona selezione di pubblicazioni di qualità. 

. La realtà aumentata

In questo spazio fisico predisposto per la libera consultazione sui device, prevale una concentrazione di app gratuite che sviluppano la realtà aumentata.
Viene pertanto messo a disposizione del pubblico il cartaceo affiancato da un tablet con a bordo (tra altre) la “sua” app. Vediamo come funzionano.

E’ necessario inquadrare a calibrata distanza il cartaceo illustrato e sorvolare sulle pagine del libro. In tal modo la fotocamera del supporto elettronico (tablet o smartphone) fa scaturire sullo schermo un variegato assortimento di interattività relativa alla storia: animazioni, illustrazioni aggiuntive in movimento e/o interazioni; in altri casi effetti sonori o traccia sonora del testo.


 

Albi che sarebbero già conclusi e sono già pubblicati con una buona storia sposata a illustrazioni di qualità, vengono integrati da un corredo digitale interattivo di questo tipo.

Ora, accantonata la non semplice procedura di utilizzo per un bambino, tra equilibrismi, luci o inclinazioni sbagliate che possono inibire il riconoscimento dell’immagine, mi chiedo quale sia il valore aggiunto di questo genere di sperimentazioni.

E' apprezzabile in queste pubblicazioni lo spunto ma mi pare si tratti di una creatività formale e sfugge il senso d’insieme. L’impressione è che sia forte il desiderio dei grandi editori di essere presenti con pubblicazioni digitali ma concentrando l’attenzione del pubblico sull'animazione della carta.

Hanno scelto questa strada Albin Michel con la collezione Histoires animées (Chouette, Peur du noir moi? Copain? Il est l’heure d’aller au lit maintenant!), Nathan con la lettura dell'albo Le grand rendez-vous e Ejt-labo con il titolo Dessine-moi le vent (è lo stesso editore che aveva sviluppato Moutcho et Pitrouille, qui una recensione, app non più gratuita).

Una moda? Un modo folcloristico di usare la tecnologia ma forse anche un'occasione mancata di creare realmente un contenuto ricco e differente, oltre l'intrattenimento.   

Queste soluzioni ibride non usano al meglio l'opportunità del digitale, divertono nell’immediato ma rivelano un approccio ludico fine a se stesso e sostanzialmente poco aperto ad una nuova vera lettura possibile sulla ricerca dei linguaggi narrativi. C'è da riflettere!

. Per i professionisti

Il lunedì nell’attico è sempre dedicato al Mice Numérique, spazio e occasione per i professionisti del settore di presentare lavori e progetti e creare contatti. 

Qui si presenta un bel panorama di realtà eterogenee: la biblioteca digitale Youbook, la mediateca Educ’Arte, il portale Storyplayr che è una biblioteca digitale di storie, con formule diversificate di pagamento ed accesso illimitato a centinaia di albi illustrati da leggere o ascoltare su tablet, computer, smartphone.
Ritroviamo la sempre splendida offerta di Lasourisquiraconte, Abcmelody per introdurre la lingua inglese con le app Cat and Mouse e per coltivare l’interesse per viaggi e curiosità del mondo.

Il salone ha proposto e offerto ora ci aspetta un nuovo anno in cui studieremo le risposte a queste proposte e io... già non vedo l’ora del prossimo!
Stay tuned!!! 

[post_title] => Impressioni dal Salone del libro di Montreuil: un digitale nuovo [post_excerpt] => A un anno di distanza dagli attentati di Parigi, la trentaduesima edizione del Salon du livre et de la presse jeunesse, ha aperto le porte a un pubblico vasto e ha ripreso il suo ruolo di luogo di promozione della lettura, di spazio per novità e proposte di lettura per i giovani e di centro per la diffusione degli strumenti multimediali del vasto campo dell’editoria specializzata per ragazzi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => il-salone-del-libro-di-montreuil-un-digitale-nuovo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-06-22 06:25:58 [post_modified_gmt] => 2017-06-22 06:25:58 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://m87.it/?p=1390 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [4] => WP_Post Object ( [ID] => 753 [post_author] => 8 [post_date] => 2015-03-29 07:30:27 [post_date_gmt] => 2015-03-29 07:30:27 [post_content] => Et si la nuit. Editore: L'Apprimerie. Testi: Adèle Pedrola. Illustrazioni: Douglace. Supporto: iPhone, iPod Touch, iPad e Mac. Richiede iBooks 3 o versione successiva e iOS 4.3 o versione successiva. Lingua: Francese. Prezzo: 6,99 €. Lo scorso novembre, al Salone di Montreuil, le ragazze (sì, ragazze!) di L'Apprimerie Editions interactives, presentarono il progetto del loro libro illustrato interattivo, sembrava che mancasse chissà quanto tempo ...ma quando si lavora con passione il tempo vola! E per loro è volato, l'ebook interattivo Et si la nuit di Adèle Pedrola, si può già scaricare dall'Ibookstore oppure tramite la speciale formula di distribuzione carte à lire (andate a vedere se siete curiosi, purtroppo in Italia non è ancora diffusa). La lettura di ogni storia di qualità è un esercizio esclusivo, questo è il motivo per cui - troppo abituata alla frenesia della vita - ho tardato ad entrare in sintonia con questa storia. E' indispensabile lasciarsi avvolgere dal ritmo delle tavole e dell'interattività, più che dal senso della narrazione (risulta, infatti, godibile pur non conoscendo il francese). Per i bambini, e gli adulti che leggono con loro, rappresenta una forte esperienza di condivisione, tenendo presente che è necessario rilassarsi e farsi guidare dall'istinto. La particolarità di questo ebook è il dialogo tra testo e immagini che si sviluppa su due livelli di lettura. La storia si basa su un principio interattivo semplice ma estremamente suggestivo, l'esistenza, cioè, nel testo stesso di una parola-ponte o parola-chiave, riconoscibile per diversità di colore e font. Questa parola è il pulsante (tecnicamente e narrativamente inteso) che attiva il passaggio alla tavola successiva, che apre la porta dell'immaginario, che dalle sorprese reali porta alle sorprese sognate, nascoste nella storia. I testi sono animati, lo sono le parole, le frasi, gli oggetti e lo è l'intera storia che vive una vita su doppio binario: le due versioni, quella reale e quella trasformata dai sogni e dall'immaginazione non scompaiono mai, son sempre affiancate, basta un touch sulla parola-ponte. La storia si apre con l'arrivo della notte - annunciata dai lampioni - le luci delle finestre del palazzo si alternano, al touch sulla parola nuit sbuffa il comignolo, il testo si sposta e si scivola nella tavola del secondo livello, quello del piano onirico in cui le finestre illuminate ricordano un cruciverba e vivono di vita propria. Quando le prime stelle compaiono in cielo è l'ora di andare a dormire ma, spenta la luce, le stelle hanno ancora qualcosa da raccontare (il secondo livello). Nel silenzio della stanza, le orecchie si risvegliano per carpire il suono di ciò che non si è addormentato...sono i pensieri che partono, in punta di piedi, alla ricerca del mondo immaginario. I pupazzi sistemati al fondo del letto, compaiono travestiti e trasformati, fanno parte di una squadra speciale, i brutti sogni e le preoccupazioni banditi per sempre, ci sono loro che fanno la guardia! Improvvisamente, alla comparsa dello spazzolino, la punta della lingua sente il gusto dello zucchero filato (per il dentifricio) che evoca, nel sogno, risate e giostre di bambini. Il bicchiere d'acqua appoggiato sul comodino diventa, con fantasia galoppante, un mare dalle acque ferme delle quali il vero marinaio ha imparato a diffidare. Vorrei raccontare tutte le tavole e tutte le rispettive conversioni nel linguaggio dell'immaginario ma è talmente bello scoprirle autonomamente! Adulti e bambini, interpretandole in modo soggettivo, vedranno in quelle fantasie qualcosa di personale, di speciale. La storia si conclude con la creatività doppia della tavola in un gustoso vero-immaginario risveglio per l'arrivo di un nuovo giorno. E' una storia sul mondo così come possiamo viverlo e attraversarlo mentre dormiamo, sulla notte e su una notte buona. Ed è per questo motivo, soprattutto, una storia sulla vivacità dell'immaginazione e su quanto sia divertente coltivarla, solleticarla. Piccola interattività è presente ovunque in animazioni, interazioni, suoni, rumori, cambi di tavola e sonorità originali. La grafica è elegante, le illustrazioni di Douglace alternano blu vellutato a "sterpi" fioriti dai colori fluo, in un contrasto che risulta difficile attribuire alla realtà o al sogno. La parte illustrata sposa perfettamente il testo e il rimbalzo vivace tra vero e immaginato rende questo ebook interattivo infinitamente grazioso, composto e rasserenante. Una storia perfetta prima di andare a dormire, per aprire la porta della notte e viaggiare nella fantasia. [post_title] => Et si la nuit [post_excerpt] => Un ebook illustrato e interattivo che accende la fantasia e che svela come in un bicchiere d'acqua, appoggiato sul comodino, possa nascondersi un marinaio bretone. Avventuratevi nel mondo reale e nel mondo della fantasia, nel giorno e nella notte e subite il potere dell'immaginazione. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => et-si-la-nuit [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-09-18 19:48:05 [post_modified_gmt] => 2017-09-18 19:48:05 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://m87.it/?p=753 [menu_order] => 0 [post_type] => review [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [5] => WP_Post Object ( [ID] => 979 [post_author] => 8 [post_date] => 2014-12-03 17:56:05 [post_date_gmt] => 2014-12-03 17:56:05 [post_content] =>

A Parigi ha avuto luogo, per il trentesimo anno consecutivo, un evento che ci rammenta il valore e l’energia della letteratura per bambini e ragazzi: è il Salon du Livre et de le Presse Jeunesse.

Per tre giorni mi sono recata a Montreuil, luogo non luccicante che si anima di un’insolita frenesia nei giorni della manifestazione, per assistere a conferenze e raccogliere impressioni sul digitale, per seguire da vicino innovativi progetti e app in fieri.

All’esterno, cielo plumbeo, architettura post-industriale e, nel prato brullo antistante la fiera, gli striscioni della protesta degli insegnanti. All’interno, 450 espositori, 9 poli artistici, una mostra, sessioni di dediche, incontri, passeggini, ragazzini.
Nell’area digitale troneggiava un device formato XXL ad uso e consumo del pubblico di passaggio tra cui una paffuta bimba di due anni.

Da alcuni anni un’intera giornata viene dedicata al digitale e dalla piccola platea disorientata dei primi tempi si è arrivati, con questa edizione, ad una sala sold-out curiosa di conoscere le iniziative e i movimenti del settore.

Così come avviene in Italia si ha la sensazione generale, da parte dei protagonisti, che non si sia ancora abbandonata la navigazione a vista; se qualche applicazione ha conseguito risultati dignitosi, molti editori dichiarano risultati lontani dal ripagare lo sforzo fatto, anche se, all’unanimità, tutti registrano una crescita notevole di attenzione da parte dei lettori e degli investitori (premi, finanziamenti…)

Per tutta la durata del Salone nel “pôle numérique” gli espositori digitali presentano al grande pubblico le novità, in un continuo di dita che toccano, battono, scivolano; ma il luogo in cui si coglie il genuino fermento digitale è il MÏCE numérique del lunedì, dedicato ai professionisti, in un'area riservata sul tetto del salone.

Sulla scena si sono alternate proposte e presentazioni di progetti:

e-Toiles éditions, vincitrice con Dans mon rêve del BolognaRagazzi Digital Award 2012, nel nuovo anno pubblicherà Le lapin bricoleur, app forgiata sull’architettura dello spostamento per far esplorare un nuovo modo di scrittura e di lettura per l’interattività. Il lettore procede nel racconto scegliendo tra alternative proposte di narrazione con illustrazioni che ritornano ma dal significato diverso. Penso sarà una bella sorpresa.

L’Apprimerie éditions interactives, editore dell’eccellente Voyage au centre de la Terre (sia app sia ebook interattivo) con Et si la nuit si rivolgerà per la prima volta ai più piccoli, affrontando il tema del distacco prima della nanna e di quel momento in cui il bambino, prima circondato dalla famiglia, si trova solo a rielaborare il mondo che lo circonda, facendo dialogare reale e immaginario. Un'altra bella sorpresa.

L'app La pluie à midi, un progetto di Julie Stephen Chheng per le éditions volumiques propone l’originalità di un’interattività personalizzata da paramentri reali: il meteo, la data, l’ora tramite la geolocalizzazione dell’ipad, una storia sempre diversa legata a variabili coordinate spazio temporali.

La Mégalopole della giovanissima Cléa Dieudonné (cartaceo per L’Agrume) sviluppa un colorato e dettagliato racconto verticale, un vero libro digitale da srotolare. La versione cartacea e quella digitale diventano complementari, creando curiosità una nei confronti dell’altra.

E poi Axelle Desaint di Tralalere che ha pubblicato Patati Le chien qui joue avec les mots, ebook interattivo per giocare con il lessico e la corretta comprensione delle parole.

L’importante editore francese Nathan ha presentato al Mice le sue collane di libri digitali interattivi, esperienza innovativa e coraggiosa che sta rivoluzionando il modo di lavorare di un editore tradizionale, convintosi dell’esigenza di creare prodotti ad hoc per il digitale.

Interessanti le esperienze di Story Play’r, che offre in abbonamento una biblioteca digitale per bambini e che può essere “arricchita” dalla registrazione della lettura fatta da un genitore o dal bambino medesimo: ha colpito la premessa sulla “sacralità” del testo scritto, per giustificare l’assenza di animazioni o interazioni; un’argomentazione vagamente retrò, che forse ha il pregio di blandire l’utenza più conservatrice.


Di avviso diverso Totambox, che ha annunciato il lancio di una nuova app che permetterà di leggere libri ad alta interattività (per i più tecnici, quelli in formato ePUB3) anche sui tablet android; la prima sperimentazione avverrà sui tablet per bambini e ragazzi di kurio, diffusi in più di 2,5 milioni di pezzi tra le famiglie francofone anche in virtù di un accordo con grandi catene di distribuzione come FNAC.

Infine le Biblioteche di Francia. Non stanno ferme a guardare, una è diventata digitale. La BnF, Bibliothèque numérique des enFants, ha ottenuto il sostegno del Ministero della Cultura ed è destinata a giovani tra i 6 e i 12 anni. Il navigatore in erba si sposta tra le sale lettura virtuali, i laboratori, i percorsi di scoperta multimediale…e quando ha bisogno di un consiglio si avventura su Popapp, un portale ideato dal Salone al fine di presentare e diffondere una piccola selezione di produzioni di qualità... pas mal tout ça, non?!

[post_title] => Tuffarsi nel digitale al Salone per Ragazzi a Parigi con un'inviata speciale [post_excerpt] => I trent'anni del salone di Parigi tra albi illustrati, libri per l'adolescenza, fumetti, libri d'arte per ragazzi e app e ebook. Cartaceo e digitale insieme nella fiera di settore tra le più amate d'Europa. 160.000 visitatori, successo di pubblico, famiglie e professionisti. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => il-salone-del-libro-di-montreuil-parigi [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2017-09-01 09:19:51 [post_modified_gmt] => 2017-09-01 09:19:51 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://m87.it/?p=979 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) ) [post_count] => 6 [current_post] => -1 [in_the_loop] => [post] => WP_Post Object ( [ID] => 10332 [post_author] => 3 [post_date] => 2018-10-01 12:21:04 [post_date_gmt] => 2018-10-01 10:21:04 [post_content] => È giunto al termine in queste settimane “Transbook. Children’s literature on the move”, un progetto europeo finanziato dal programma Creative Europe e finalizzato alla promozione dell’internazionalizzazione e della transizione al digitale dell’editoria per ragazzi. Il progetto ha messo insieme per 4 anni 7 partner provenienti da altrettanti paesi europei (Belgio, Germania, Italia, Francia, Slovacchia, UK e Spagna) e impegnati in ambiti che intersecano l’industria del libro, l’educazione e le arti visive, affinché supportassero autori e artisti a sperimentare nuove tecniche e nuovi modelli di business ed esplorassero strade innovative per far incontrare il pubblico con la letteratura. transbook

I partner

Tra i partner di Transbook figurano due importanti fiere del libro per ragazzi - il Salon du livre et de la presse jeunesse di Montreuil e la Europäische Kinder - und Jugendbuchmesse di Saarbrücken e il Literárne Informačné Centrum di Bratislava che promuove la letteratura slovacca a livello internazionale. Accanto a loro, tre realtà che favoriscono la cultura di bambini e ragazzi attraverso la letteratura e le arti visive, come l’associazione bolognese Hamelin, la spagnola Tantàgora che ospita il festival per ragazzi FLIC e il laboratorio belga ABC - Art Basics for Children. Unica casa editrice tra i partner, la londinese Nobrow è specializzata in fumetti e graphic novels (sono loro che hanno pubblicato la serie del Professor Astrogatto, da cui Minilab ha poi sviluppato una bellissima app).

Gli eventi: mostre, laboratori e artisti 'on the move'

Transbook si è articolato in una serie di eventi e iniziative che vanno dai convegni alle mostre, dalle masterclass di formazione ai laboratori per bambini, dai progetti educativi a quelli per favorire la mobilità degli artisti. Quasi un centinaio gli autori e illustratori coinvolti a vario titolo nel progetto, tra cui Serge Bloch, David Wiesner, Chris Haughton, Steven Guarnaccia, Anouck Boisrobert e Louis Rigaud (autori di Oh!), Julie Stephen Chheng (l'autrice di Pioggia a mezzogiorno) - e Lucas Zanotto (autore di Loopimal e Bandimal). transbook La mostra itinerante “La règle et le jeu” ha messo in scena un percorso di lettura sensoriale e interattivo interamente concepito a misura di bambino, con libri da toccare, pagine da far suonare come piatti di una batteria, disegni «animati», a dimostrazione che leggere può voler dire anche toccare, ascoltare, manipolare, scrollare e coinvolgere la fantasia e il corpo del lettore in azioni totalmente inattese. transbook Dal progetto è nato anche un numero speciale della rivista di Hamelin intitolato “Figure in movimento”, che esplora il concetto e le possibilità di lettura a confronto con i nuovi dispositivi digitali:
“Ci si è chiesti dove si situi esattamente la multimedialità di una esperienza di lettura, se nell’oggetto, a cui si presta sempre più attenzione, o nel soggetto che legge e nella sua capacità e responsabilità immaginativa.”
Per rispondere a questi interrogativi, Stefano Ricci parte da un documentario di Werner Herzog sul ritrovamento di pitture murali preistoriche per creare un parallelo con l’odierna multimedialità; Alberto Sebastiani cita invece Italo Calvino per mostrare come il supporto influenzi l’esperienza di lettura, mentre Sophie Van Linden analizza il rapporto tra digitale e cartaceo nell’albo illustrato. Gli autori, così come chiunque si occupi oggi di digitale per ragazzi, si confrontano con l’ineludibile e sfuggente interrogativo:
“Il libro è un libro, si legge. Ma con l’app cosa si fa?”
    [post_title] => Transbook. Un progetto UE esplora la letteratura per l'infanzia nell'era del digitale [post_excerpt] => È giunto al termine in queste settimane “Transbook. Children’s literature on the move”, un progetto europeo finanziato dal programma Creative Europe e finalizzato alla promozione dell’internazionalizzazione e della transizione al digitale dell’editoria per ragazzi. [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => transbook-un-progetto-ue-esplora-la-letteratura-linfanzia-nellera-del-digitale [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2018-10-03 12:10:53 [post_modified_gmt] => 2018-10-03 10:10:53 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.mamamo.it/?p=10332 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw ) [comment_count] => 0 [current_comment] => -1 [found_posts] => 6 [max_num_pages] => 1 [max_num_comment_pages] => 0 [is_single] => [is_preview] => [is_page] => [is_archive] => [is_date] => [is_year] => [is_month] => [is_day] => [is_time] => [is_author] => [is_category] => [is_tag] => [is_tax] => [is_search] => 1 [is_feed] => [is_comment_feed] => [is_trackback] => [is_home] => [is_404] => [is_embed] => [is_paged] => [is_admin] => [is_attachment] => [is_singular] => [is_robots] => [is_posts_page] => [is_post_type_archive] => [query_vars_hash:WP_Query:private] => 2a353d508b06dfc25bd09b8b19f70c97 [query_vars_changed:WP_Query:private] => 1 [thumbnails_cached] => [stopwords:WP_Query:private] => Array ( [0] => su [1] => un [2] => uno [3] => una [4] => sono [5] => siete [6] => come [7] => alle [8] => allo [9] => alla [10] => essere [11] => di [12] => da [13] => per [14] => in [15] => con [16] => per [17] => tra [18] => fra [19] => come [20] => è [21] => egli [22] => ella [23] => essi [24] => loro [25] => il [26] => al [27] => le [28] => lo [29] => oppure [30] => questo [31] => quello [32] => queste [33] => questi [34] => quelli [35] => quelle [36] => a [37] => era [38] => eri [39] => erano [40] => cosa [41] => quando [42] => dove [43] => chi [44] => www ) [compat_fields:WP_Query:private] => Array ( [0] => query_vars_hash [1] => query_vars_changed ) [compat_methods:WP_Query:private] => Array ( [0] => init_query_flags [1] => parse_tax_query ) )

6 risultati per Salon du Livre et de la Presse Jeunesse di Montreuil

piafs

Alle porte di Parigi si è conclusa da pochissimo la 34esima edizione del Salon du livre et de la presse jeunesse en Seine-Saint-Denis, il riferimento del mondo editoriale francofono per bambini e ragazzi. Il tema di quest’anno, Nos futurs, si è manifestato anche in alcune pubblicazioni della Sélection Création numérique, il premio dedicato alle creazioni digitali.

A un anno di distanza dagli attentati di Parigi, la trentaduesima edizione del Salon du livre et de la presse jeunesse, ha aperto le porte a un pubblico vasto e ha ripreso il suo ruolo di luogo di promozione della lettura, di spazio per novità e proposte di lettura per i giovani e di centro per la diffusione degli strumenti multimediali del vasto campo dell’editoria specializzata per ragazzi.

Un ebook illustrato e interattivo che accende la fantasia e che svela come in un bicchiere d’acqua, appoggiato sul comodino, possa nascondersi un marinaio bretone. Avventuratevi nel mondo reale e nel mondo della fantasia, nel giorno e nella notte e subite il potere dell’immaginazione.