fbpx

Come trovare risorse educative su YouTube

fare ricerche su youtube

Per i genitori che distrattamente lanciano un occhio allo schermo di tablet o computer mentre i figli navigano su YouTube, il panorama è a volte incomprensibile. Performance scherzose e un po’ trash postate sui canali di youtuber seguitissimi, tutorial per realizzare lavoretti, video di unboxing (in cui si aprono letteralmente le confezione di giochi o sorpresine per scoprire com’è fatto un prodotto), sessioni di gioco alla console commentate anche a suon di parolacce, canzoncine e ninne nanne animate…

Sulla piattaforma di videosharing di Google c’è di tutto (serie di cartoni animati comprese, ma pare non siano i video più guardati dai bambini), e da anni YouTube sottrae tempo schermo ai palinsesti televisivi.

La sicurezza dei contenuti su YouTube

Quando si parla di bambini su YouTube, il tema scottante per i genitori è la sicurezza e l’opportunità dei contenuti in visione. Il sistema di proposta automatica di video correlati a ciò che si sta guardando può infatti portare i percorsi di navigazione lontano dal punto di partenza. Solitamente l’algoritmo della piattaforma rimane nel solco di ciò che piace ai bambini, ma può capitare che la proposta di video correlati non sia ideale per la loro età.

(Per approfondire leggi Kid Influencer: quei bambini esposti davanti agli schermi |L’algoritmo di YouTube che cattura i bambini)

Come tentare di controllare, allora, qualcosa che controllabile non è neanche per gli stessi gestori della piattaforma?

Innanzitutto, quando i  bambini sono in età prescolare, è consigliabile sfruttare la modalità di navigazione con restrizioni che YouTube permette di impostare (per scoprire come, leggi YouTube: video sicuri per bambini). Avendolo sperimentato, sappiamo però che questo filtro può risultare eccessivamente restrittivo per un ragazzino sopra gli 8-10 anni.

Come trovare risorse educative su YouTube

Un tema forse meno urgente per i genitori è quello della qualità dei contenuti. Fino a che la piattaforma viene usata per intrattenere i bambini, video e canali non mancano: ci sono titoli di cartoni animati che arrivano dalla tv, ma anche nuovi contenuti proposti dagli yotuber, con un’offerta continua e aggiornatissima, anche se mediamente di un livello produttivo piuttosto basso.

Se invece un genitore o un insegnante volesse sfruttare YouTube a fini educativi, quindi per veicolare nozioni di storia, arte, scienze, inglese o geografia, come può trovare contenuti adatti all’apprendimento in tanta confusa abbondanza?

Un metodo molto semplice è quello di sfruttare ancora una volta le risorse che la stessa piattaforma ci offre, ovvero i filtri della ricerca. Se per esempio state cercando risorse per le lezioni di storia, scrivete la parola “Storia” nel box di ricerca. Con buona probabilità i risultati ottenuti saranno piuttosto eterogenei e di poco aiuto, ma potrete raffinare la vostra ricerca operando sui Filtri:

fare-ricerche-su-youtube

I filtri danno modo di cercare, per esempio, i Canali che si occupano dell’argomento che state  cercando:

fare-ricerche-su-youtube

Noi, scegliendo di filtrare i risultati per “Canale”, abbiamo individuato una risorsa che può essere interessante, come effettivamente anche il numero di iscritti conferma:

fare-ricerche-su-youtube

Si tratta di Storici Subito: la STORIA non è mai stata così SEMPLICE, edizione italiana di Simple History, canale video scritto e animato da Daniel Turner, piuttosto focalizzato sulla storia americana, ma utile anche per il pubblico italiano:

fare-ricerche-su-youtube

Per argomenti più specifici, potete invece filtrare i risultati per Playlist, ottenendo spesso una proposta più ordinata e strutturata di risultati.

L’home page di YouTube

Un suggerimento, infine, per migliorare l’esperienza dei vostri bambini su YouTube può essere di gestire al meglio le iscrizioni ai singoli canali. Se i bambini, come è probabile accada, accedono alla piattaforma mediante la vostra registrazione, potrete iscriverli non solo ai canali di loro gradimento, ma anche a quelli che trovate interessanti voi per loro (come It’s OK To Be SmartBBC Earth Unplugged, Paxi – ESA …) . In questo modo, quando apriranno l’applicazione, avranno tra le proposte in home page anche video di genere educativo, magari in lingua inglese.