App e risorse web per l’educazione ambientale

ambienteIl digitale offre grandi opportunità per educare alla sostenibilità ambientale, sia nel contesto scolastico che a casa. Come sempre, basta sapere dove cercare le risorse didattiche e come utilizzarle.

Coinvolgere i bambini sui temi ambientali

Innanzitutto, possiamo sfruttare la dimensione multimediale della rete per coinvolgere maggiormente i ragazzi e per spiegare in modo più efficace alcuni concetti. È quello che si può fare con i grafici interattivi di Gapminder, un’organizzazione non-profit che promuove lo sviluppo sostenibile attraverso la divulgazione di informazioni e dati relativi all’evoluzione sociale, economica e ambientale dei diversi paesi. Questo grafico, per esempio, mostra in modo dinamico e visivamente impattante come sono cresciute le emissioni di CO2 nel mondo dal 1820 ai giorni nostri. NB i grafici sono in Flash e possono quindi essere visualizzati solo su computer oppure su dispositivi Android attraverso l’app per Flash Player.

 

Affrontare i temi ambientali giocando con un’app

Diverse applicazioni consentono di affrontare in modo ludico i temi ambientali.

METEO HEROES

Un’app del Centro Epson Meteo per scoprire come, anche attraverso un gioco, i bambini possano iniziare a familiarizzare con le prime nozioni di meteorologia e con la cultura ambientale. Sei piccoli supereroi con dei poteri molto speciali, un mondo naturale da esplorare e tante prove da supere.
Fulmen, Nix, Nubes, Pluvia, Thermo e Ventum sono sei bambini normali, che scoprono un giorno di avere dei superpoteri, quelli di evocare i fenomeni atmosferici e di poter intervenire sulla natura attraverso di essi. Presi sotto la guida del CEM, impareranno presto a gestirli e a usarli per risolvere i tanti piccoli e grandi problemi della Terra.

GRO RECYCLING

Insegna ai bambini più piccoli l’importanza della raccolta differenziata attraverso un gioco di simulazione: devono dare da mangiare ogni rifiuto al contenitore giusto, solo così potranno produrre nuovi oggetti a partire dall’immondizia.

GRO RECYCLING

PLANTS DI TINYBOP

Mostra il funzionamento dei biomi terrestri in modo dinamico, nel passare del tempo. Piante, animali ed elementi naturali possono interagire, entrare in contatto e scatenare reazioni che il bambino può osservare e favorire, con l’aggiunta di schede di approfondimento, etichette descrittive e uno scanner per vedere cosa succede nel sottosuolo.

FRAGILE EARTH 

Mostra dall’alto attraverso una serie di immagini satellitari o fotografie aeree un pianeta fragile in cui eventi climatici estremi, fenomeni naturali e l’intervento dell’uomo modificano il paesaggio in modo irreversibile.

FRAGILE EARTH 

TOCA NATURE

Ispirata a videogiochi che, come i Sims e Minecraft, propongono di costruire dei mondi virtuali, Toca Nature invita il bambino a inscenare un ambiente e a popolarlo nella logica dei suoi abitatori. Può quindi essere un valido strumento per affrontare, anche con bambini molto piccoli, concetti come quello di habitat ed ecosistema.

TOCA NATURE

MINECRAFT

Il videogame Minecraft può essere utilizzato per costruire mondi e confrontarsi con risorse limitate. In una delle demo della versione Edu rivolta alle scuole, i villaggi sono dotati di un pozzo e di diversi orti e variano a seconda del bioma in cui si trovano: se il villaggio si trova nella pianura o nella savana sarà fatto di pietra, legno e ghiaia, mentre se si trova nel deserto sarà fatto di arenaria.

Minecraft

Esplorare la natura all’aria aperta

Il web può essere uno strumento per invitare i bambini alla scoperta degli spazi all’aria aperta, in modo attivo e ludico. Social networks come Geocaching consentono di organizzare cacce al tesoro collettive. I partecipanti devono infatti scovare oggetti nascosti da altri utenti all’aperto basandosi sulle coordinate GPS fornite sul sito. E mentre partecipano al gioco, scoprono la natura e l’ambiente che li circonda. Il progetto transfrontaliero SIIT, che punta alla divulgazione della biodiversità come valore da tutelare, ha organizzato delle cacce al tesoro botaniche che utilizzano un’app per smartphone dedicata alle specie del territorio. I bambini devono andare alla ricerca di determinate piante, armati di smartphone, confrontando le varietà vegetali che incontrano con quelle caricate sul database dell’applicazione.

Educazione ambientale

Un database infinito di immagini e suoni della natura

Per l’educazione ambientale il web è, prima di ogni altra cosa, un preziosissimo e sconfinato database di informazioni e di immagini, che può risultare utilissimo proprio nel momento in cui si parla di biodiversità, perché ci consente di raccontarla, ma anche di vederla e di ascoltarla.

Observado è un sito dedicato alla biodiversità che permette di scambiare immagini e informazioni sul mondo naturale. Le informazioni – al momento sono 27milioni i record presenti sul sito – sono vagliate da una rete di volontari esperti.
Come funziona il nostro Pianeta un’app per insegnare ai bambini di età scolare alcuni aspetti della vita del nostro pianeta sfruttando le funzionalità di multimedialità e interattività dello schermo touch.
La Macauley Library della Cornell University è la più importante collezione di suoni naturali: 9mila specie animali ascoltabili online e accessibili a tutti, dagli uccelli alle balene, dalle rane ai primati.
Leafsnap è un sito e un’app gratuita sviluppata dalla Columbia University e dallo Smithsonian Institution che permette di effettuare ricerche tra tutte le varietà di piante, confrontando bellissime immagini di foglie, fiori e frutti.

Leafsnap