fbpx

Con iOS 12 di Apple arriva Screen Time, per un utilizzo più consapevole dello smartphone

screen time ios 12 apple 2018

Al Worldwide Developers Conference (l’evento annuale dedicato agli sviluppatori) a San Josè, in California, Apple non ha presentato nuovi modelli dei suoi device (iPhone e iPad), ma ha dato piuttosto grande visibilità all’evoluzione del software con cui funzionano.

Il nuovo sistema operativo iOS 12, disponibile in autunno come aggiornamento gratuito per tutti gli iPhone dal modello 5S in poi e per molti modelli di iPad, presenta infatti significative innovazioni come le video call di gruppo, l’introduzione delle Memoji, le faccine che somigliano all’utente, alcune app che sfruttano la realtà aumentata (interessante la funzione righello, che consente la misurazione di oggetti reali) o che raggruppano le notifiche.

Screen Time, per limitare il tempo a schermo

Innovazione interessante dal nostro punto di vista e che dimostra una nuova sensibilità della casa di Cupertino rispetto al tema della dipendenza dall’online, è Screen Time: un’app studiata per aiutare gli utenti a comprendere e a controllare quanto tempo trascorrono sui loro device Apple, dal tempo dedicato ad ogni singola app al numero di notifiche ricevute, dal tempo trascorso sul web al numero di volte in cui l’utente prende in mano il suo iPhone o iPad.

Si tratta di una funzione particolarmente utile per i genitori che desiderano monitorare le attività dei figli sui dispositivi iOs e limitarne l’utilizzo: grazie all’Activity Report, accessibile direttamente dal proprio dispositivo, sarà possibile infatti avere un quadro completo delle attività dei figli ed impostare dei limiti con App Limits.

Sarà inoltre possibile programmare un intervallo di tempo in cui il device non debba essere utilizzato, scegliendo app specifiche invece sempre disponibili come il telefono; quando la funzione Downtime sarà attiva, comparirà un badge sulle app ad indicare che non ne è possibile l’utilizzo.

Nuove funzionalità per “non disturbare”

Il nuovo software consentirà anche di contenere l’invasività di alcune app e funzioni di notifica, per  ridurre l’ansia e lo stress indotto dall’abuso del dispositivo. Ecco alcune nuove funzionalità:

  • Non disturbare a letto: impedisce al telefono di suonare e nasconde dalla schermata di blocco le notifiche, così che se di notte dormiamo con il cellulare sul comodino (perché lo usiamo come sveglia) non verremo indotti a controllare messaggi e chat.
  • Non disturbare per un periodo limitato o in un luogo specifico: la stessa modalità si potrà impostare anche per un tempo limitato o per un luogo particolare (ma si disattiva quando ci allontaniamo), per esempio quando siamo al cinema o al parco con i bambini.
  • Regolazione delle le impostazioni di una notifica dalla schermata di blocco, senza accedere alle preferenze di sistema di iPhone e iPad.