Novità digitali dall’ultimo Salone del Libro per ragazzi di Montreuil

Nel dicembre 2019 si è tenuta la 35esima edizione del Salon du libre et de la presse jeunesse , un appuntamento strategico per la comunità francofona del libro per bambini e ragazzi, abituata da anni ad integrare tra carta e digitale in modo naturale per narrare.

Per i lettori è una festa e una scoperta

Come ogni anno il Palazzo dei Congressi di Montreuil si anima di vita, letture, lettori, libri, trambusto e tecnologia declinata nei modi più vari: è il fervore francese del settore. Bibliotecari, librai e insegnanti sono molto attivi, si informano, si aggiornano e accompagnano le classi, mentre il fine settimana è il tempo delle tante famiglie con passeggino incorporato!

Salone del Libro per ragazzi di Montreuil

Questo è per dire che il Salone è un appuntamento e un rito di cui la tecnologia è parte integrante nella sua rappresentazione più versatile. Sembra che nulla mai cambi, la frenesia, la posizione degli stand, la routine della promozione ma tutto cambia incessantemente, i libri, le illustrazioni e la proposta digitale che quest’anno ha preso una forma nuova. Vediamo.

Kibookin, i totem per consultare tutte le novità

Salone del Libro per ragazzi di Montreuil

La prima novità tecnologica in cui mi sono imbattuta è kibookin, portale che presenta le migliori novità del settore tramite video e podcast per l’ascolto intero di libri, permettendo di restare aggiornati sulle notizie editoriali e di sfogliare i 540 titoli selezionati. Troviamo sia i libri premiati con le Pépite (l’importante riconoscimento della giuria del salone, per categoria) e altri letti e raccomandati dai professionisti del salone. E’ accessibile online e in sede tramite le consolle color rosa (impossibile non notarle) installate sui due piani dell’edificio per la libera consultazione. Si gode così di un servizio di suggerimenti letterari in un formato nuovo, apprezzato dai ragazzi.

Narrazioni multimediali e interattive, tra ebook, audiolibri e app

Torna la proposta Storyplay*rla più grande biblioteca audio-digitale in abbonamento mensile dedicata alla fascia 3-10 anni – che continua la sua ascesa nel mondo dei contenuti disponibili su supporti elettronici offrendo accesso illimitato a più di 1500 albi da leggere o ascoltare su computer, tablet o smartphone.

Una sorpresa è Les histoires de Lulu & Kroyapp ben strutturata e illustrata, per iOs e Android con due coraggiosi protagonisti lanciati in avventure paurose – che segue la formula in abbonamento garantendo contenuti certificati per i ragazzi, divertimento quotidiano (ogni giorno si scopre come procede, ogni serie è da cinque episodi) e personalizzazione della storia poiché prevede il coinvolgimento diretto dell’utente con scelte che determinano il corso della narrazione rendendola unica. Altre storie interattive si affacciano dagli stand, i meravigliosi Piboco, i canadesi Miniminus e Mes mains en or , alle cui produzioni spero di dare presto lo spazio che meritano.

La mostra multimediale: L’Elogio della Lentezza

Ciò che ho trovato di unico e irripetibile è l’apparato scenico voluto per la mostra ispirata al tema di quest’anno: L’Elogio della Lentezza. Un invito, un auspicio, un appello? All’ingresso brilla un grande schermo orizzontale ad altezza bambino, su cui la lumaca iconica fa i suoi giri, i bambini più piccoli la toccano e ci si sdraiano sopra.

L’allestimento dell’esposizione occupa buona parte del livello -1.
Qui sotto non ci sono finestre, non filtra luce naturale, pareti e pavimento sono foderati di panno nero e, sebbene da questa descrizione possa sembrare un ambiente raccapricciante, l’effetto è opposto.

Salone del Libro per ragazzi di Montreuil

Bisogna abituare il corpo ad accettare il nuovo spazio e gli stimoli calmi che impone, cercare i bagliori della tecnologia, vedere giochi di luci e immagini in movimento dimenticando per un momento il resto del mondo.
E’ stato costruito, infatti, un percorso visivo e tattile attraverso alti e grandi pannelli illustrati per riprodurre il lavoro artistico di Emma Giuliani, Antoine Guilloppé, Natali Fortier e Katrin Stangl.
I quattro autori-illustratori, molto noti in Francia, creano i loro libri con un tempo lento per non perdere durante la fase creativa il controllo della narrazione e riuscire a restituire al pubblico opere complesse, a lungo meditate. Questo è l’intento della mostra in tutte le sue declinazione: far sentire l’importanza, la bellezza e il senso della Lentezza nell’arte.

Salone del Libro per ragazzi di Montreuil

Il percorso è sapientemente interattivo e innovativo, si ascoltano suoni, si muovono fiori giganteschi, si spostano tende in plexiglas illustrate ritagliate al laser, tutto è architettato per ricreare l’idea di un mondo in calmo movimento.
Inoltre, sempre immersi nel buio, entrando in capienti sale con divani e poltrone assistiamo alla proiezione a ripetizione di video su pareti di 5 metri per 3 con accompagnamento musicale. Qui la tecnologia è usata in modo riposante e suggestivo per entrare nel ritmo delle storie (il fiore si apre, il campo fiorisce, il paesaggio cambia, l’attesa, l’insetto passa…).


I ragazzi sono attratti dall’ambiente immersivo e interattivo, guardano e ascoltano in cuffia gli audio-video degli autori-illustratori che si raccontano. Davvero un piacere vederli così interessati.
Infine, su prenotazione per le scuole e anche per me dopo una supplica, un’intelligenza artificiale, un robot dalle sembianze umane e timbro naturale legge un libro su richiesta, inclinando la testa per interpretare al meglio, è impressionante!

Salone del Libro per ragazzi di Montreuil

Salone del Libro per ragazzi di Montreuil

In conclusione, ho trovato importante e significativa la scelta di trasmettere al giovane pubblico del salone il concetto di Lentezza anche attraverso audio-visivi e piccole attività interattive sparse.