Educazione digitale

I consigli degli esperti per un consumo consapevole di video e videogiochi, Internet e social network da parte di genitori e ragazzi, per favorire una media education che tenga conto di rischi e opportunità offerte dal digitale. Strumenti per contrastare il cyberbullismo e per aumentare la sicurezza dei minori quando navigano in rete. Tante risorse per avvicinare i bambini alla didattica digitale, raccolte tematiche di app, recensioni di device e prodotti dell’editoria digitale.

Like e adolescenza

Spesso non ci facciamo troppo caso, ma il like, il mi piace, è il centro dei social network, da Instagram a Facebook, passando per TikTok. Ma è davvero tutto così gratuito, innocente, casuale? E quale effetto ha questo bagno di like in adolescenza, in un periodo di cambiamento in cui l’approvazione dell’altro è così importante? Alcune risposte dallo psicologo.

Vedere una partita di Fortnite su Twitch è un po’ come vedere un match di calcio in diretta piuttosto che nella sintesi in differita il giorno dopo. Mentre Youtube predilige i video “montati” on demand, Twitch mostra l’azione mentre si svolge e questo può essere molto appassionante per chi segue in diretta. Ecco come funziona la piattaforma che sta catturando l’attenzione dei nostri figli.

didattica a distanza

Abbiamo provato a stilare una serie di regole e buone prassi che i ragazzi dovrebbero seguire per sfruttare al meglio la didattica a distanza (e per facilitare il lavoro degli insegnanti). La scuola a distanza non può certo sostituire le lezioni in presenza, ma forse può servire per far acquisire alcune competenze e alcune regole civiche di comportamento che saranno utili nella vita digitale di tutti i giorni.

comunicare digitale

In questo momento di isolamento dovuto all’emergenza Coronavirus il digitale è lo strumento che veicola le nostre parole e che ci sta permettendo di restare in relazione all’altro. In questi giorni il digitale ci fa meno paura e ci rende più umani, gettando un ponte virtuale verso gli altri, familiari, amici, colleghi, alunni… Le riflessioni dello psicologo Alberto Rossetti.