fbpx

Educazione digitale

I consigli degli esperti per un consumo consapevole di video e videogiochi, Internet e social network da parte di genitori e ragazzi, per favorire una media education che tenga conto di rischi e opportunità offerte dal digitale. Strumenti per contrastare il cyberbullismo e per aumentare la sicurezza dei minori quando navigano in rete. Tante risorse per avvicinare i bambini alla didattica digitale, raccolte tematiche di app, recensioni di device e prodotti dell’editoria digitale.

redooc tutor digitale

Frazioni… aiuto! Ecco uno degli argomenti più odiati della matematica di primaria e scuole medie. Ma le frazioni non devono essere uno scoglio: non sono altro che un modo diverso di scrivere una divisione. Redooc viene in aiuto delle famiglie, con un apprendimento personalizzato, che mixa digitale e carta, attraverso il Tutor digitale e i volumi dei Formulari di matematica per la scuola media.

dipendenza da videogiochi

Nella tarda primavera del 2018, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha proposto di inserire il Gaming Disorder o “disturbo da dipendenza da videogiochi” nell’ICD-11 (International Classification of Diseases), un manuale che raccoglie tutte le possibili malattie, utilizzato dai clinici per fare diagnosi. La notizia ha scatenato il panico tra i genitori. Proviamo con questo post a fare un po’ di chiarezza e a dare la giusta dimensione alla notizia.

Mappe mentali Redooc

Le mappe mentali sono uno strumento utile per riordinare le idee prima delle verifiche importanti in questo fine di quadrimestre. Redooc inaugura quindi una nuova sezione sulla sua piattaforma, e comincia con la mappa mentale della morfologia della nostra lingua, disponibile a colori, in bianco e nero, da completare e in un font ad alta leggibilità.

Tecnologia, dannosa per i bambini

Di effetti tossici sulla salute si parla spesso quando si dibatte di tecnologie e media, ma le ricerche sullo screen time fino ad oggi prodotte non hanno ancora dimostrato sicuri nessi di causa-effetto. Piuttosto, i pediatri inglesi mettono in relazione un eccesso di tempo schermo con la mancata pratica di attività che fanno bene ai più giovani, come lo sport, la socializzazione e il sonno.