Shiflings – Aiutiamo due alieni a cavarsela nello spazio

Sviluppato da Rock Pocket Games, pubblicato da Sierra Entertainment e disponibile dal 2015 sugli store online PlayStation Network, Xbox Live e Steam ad un prezzo di circa 15 Euro, Shiftilngs è uno spassoso mix tra puzzle e platform game con protagonisti due buffi alieni che devono riparare dei marchingegni nello spazio.
Shiftlings fa sorridere a partire dal fatto che i due impacciati mostriciattoli sono inconsapevoli di essere protagonisti di un reality-show. La realizzazione tecnica, oltre ad essere molto curata, ha un aspetto grottesco e vivace che contribuisce a rendere ancor più spassose le gag a cui, di tanto in tanto, assisteremo tra un livello e l’altro.

Veniamo alla componente prettamente ludica. Shiftlings si compone di 50 livelli che possono essere affrontati sia in modalità “giocatore singolo” che in cooperativa. In questo ultimo caso l’opera di Rock Pocket Games si rivela ottima per migliorare l’affiatamento tra i giocatori che, per risolvere gli enigmi ambientali, dovranno continuamente dialogare per capire come proseguire insieme e come coordinarsi per evitare di finire in qualche trappola. I due alieni saranno inoltre perennemente collegati l’uno all’altro tramite un cavo: bisogna quindi procedere ragionando bene sugli spostamenti per non finire incastrati in qualche elemento dello scenario o vittima di qualche trappola affilata che potrebbe tagliare il cordone che permette lo scambio di ossigeno tra i due protagonisti.

Questo cavo ha anche la possibilità di scaricare una bolla d’aria nella tuta di uno dei due eroi: in questo modo un giocatore guiderà un alieno “gonfiato” mentre l’altro sarà decisamente più smilzo. Questo espediente apre la via a nuove possibilità di gameplay: oltre a muoversi con una buona dose di coordinamento bisognerà dunque capire come sfruttare le stazze variabili degli alieni per spostare oggetti, superare ostacoli o attivare marchingegni di vario tipo.

Ribadiamo che Shiftlings è ottimo in modalità single player ma offre il meglio di sé giocato con un amico o anche tra genitore e figlio. È bene però precisare che il gioco richiede una certa manualità: chi non ha mai preso in mano un joypad potrebbe non sentirsi a proprio agio nel dover muoversi con velocità e tempismo.

Gli enigmi ambientali non sono complicati ma spesso capita di dover effettuare diversi tentativi (non a caso il presentatore del reality di cui i nostri eroi sono protagonisti non mancherà di schernirli) prima di riuscire a superare buona parte degli ostacoli. Questo non toglie divertimento e l’opera non risulta frustrante perché i check-point sono molto frequenti:  tuttavia, nel caso un genitore volesse regalare Shiftlings al proprio piccolo (questo videogame è classificato Pegi 7) sia consapevole che il gioco diverte, stimola la mente ed i riflessi, ma richiede una certa dose di perseveranza (non è forse adatto al bambino che vuole “vincere facile” ma è più indicato per i piccoli che già dimostrano di apprezzare un po’ di senso della sfida).
Per chi volesse una traguardo ulteriore, in ogni livello sono posizionate 3 bottiglie di Black Hola Cola in posti difficili da raggiungere: in questo caso ovviamente non è obbligatorio recuperarle per proseguire nell’avventura.

In conclusione Shiftlings è una bella sorpresa, un gioco simpatico ed intelligente realizzato con cura estetica e ludica. Richiede un po’ di impegno ma sa divertire e non è mai frustrante. Il gioco è inoltre sottotitolato in italiano.