fbpx

DSA: le novità dalla Settimana nazionale della Dislessia

settimana dislessia

Dal 2 all’8 di ottobre si è svolta la seconda edizione della Settimana Nazionale della Dislessia, organizzata dall’Associazione Italiana Dislessia, in concomitanza con la European Dyslexia Awareness Week, promossa dalla European Dyslexia Association (EDA).

Molte le novità sui DSA anche in ambito tecnologico.

DSA? Diverse strategie di apprendimento

Il titolo della manifestazione ha voluto mettere l’accento sulle potenzialità di questi bambini e ragazzi: “DSA? Diverse Strategie di Apprendimento – Conoscerle per fare la differenza”. Questo perchè c’è la necessità di riconoscere i Disturbi Specifici di Apprendimento non tanto come una disfunzione, quanto piuttosto come un diverso modo di funzionare di aree e connessioni cerebrali deputate alla lettura, scrittura e calcolo.

È per questo che, nella Settimana Nazionale della Dislessia, sono stati i ragazzi i veri protagonisti dell’evento, attraverso iniziative rivolte a loro e alle loro famiglie: attività ludico-laboratoriali, testimonianze di giovani dislessici e sperimentazione, da parte dei genitori, di strategie didattiche e compensative.

Dislessia 2.0: la piattaforma di supporto a genitori e insegnanti

dislessia soluzione digitale 2.0

Numerose le novità presentate anche dal punto di vista tecnologico. È nata la nuova piattaforma online Dislessia 2.0, che vuole supportare insegnanti e genitori per una migliore conoscenza e comprensione dei DSA. Il progetto è nato dalla collaborazione tra “Fondazione TIM” e l’AID, partnership già consolidata negli anni passati, che ha contribuito a promuovere progetti per la diagnosi precoce e la diffusione di strumenti di apprendimento e metodologie didattiche alternative. Sono anche coinvolti il Ministero della Sanità, MiUR ed alcune eccellenze in materia di DSA, quali l’Istituto Superiore di Sanità, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e l’Istituto di Scienze Applicate & Sistemi Intelligenti del Consiglio Nazionale della Ricerche (ISASI-CNR) di Messina.

Dal portale Dislessia 2.0 si può accedere a tre strumenti utili:

  • Smart@pp: la piattaforma di Screening per l’Analisi del Rischio di disagi della comunicazione. Il progetto consente ai genitori la compilazione di un questionario la cui validità è riconosciuta sulla base dei principi dell’Evidence Based Medicine, per una identificazione precoce dei disturbi di linguaggio, primo segnale per eventuali difficoltà relazionali e di apprendimento.
  • Dislessia online: dove è possibile accedere ad un collegamento all’Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Bambino Gesù.
  • Dislessia Amica, piattaforma che mette a disposizione gratuitamente di tutti gli istituti scolastici un percorso formativo e-learning di 40 ore rivolto al personale docente con l’obiettivo di ampliare le loro conoscenze metodologiche, didattiche e organizzative per rendere inclusiva la scuola per gli alunni con DSA.

Occhiali OrCam MyEye: pensati per gli ipovedenti, utili per i DSA
occhiali orcam myeye

Infine segnalo, in relazione a questa settimana che è stata così ricca di eventi, altri due strumenti tecnologici che sono tornati all’attenzione dell’opinione pubblica proprio perché utili per le persone dislessiche. Vi parlo degli occhiali OrCam MyEye, creati da un’azienda israeliana, che grazie a un sistema audio e video, riconoscono testi scritti, oggetti e persino volti umani.

Questi occhiali sono stati creati prioritariamente per gli ipovedenti, perché riescono così ad ascoltare la descrizione di ciò che viene inquadrato o la audiolettura di un testo scritto, dopo che la persona lo ha indicato con un dito.

Kindle Oasis: nuove opzioni di accessibilità per i dislessici

In ultimo, l’uscita del nuovo Kindle Oasis, il nuovo lettore eBook della Amazon con uno schermo da 7 pollici, con una batteria che garantisce maggiore autonomia e che si ricarica in sole due ore. Maggiore memoria interna per i libri elettronici che permette di conservare migliaia di volumi. Lo schermo è impermeabile all’acqua dolce.

Ma quello che ci interessa del nuovo Kindle è il software: nuove impostazioni di lettura per incrementare la dimensione dei caratteri (più grandi rispetto al passato) e cinque livelli di grassetto. Esplicitamente previste per il confort di lettura dei dislessici sono le nuove opzioni di accessibilità (carattere OpenDyslexic e inversione in bianco e nero) e di regolazione della luce (automatica tramite sensori o regolabile in base alle preferenze personali) oltre alla possibilità di leggere i testi con allineamento a sinistra.