fbpx

Anne Frank House VR, un’app per esplorare il suo rifugio

Anne_Frank_app-VR

Il Diario di Anna Frank è uno dei libri più letti al mondo: scoperto dal padre Otto, unico sopravvissuto della famiglia Frank ai campi di sterminio nazisti, e pubblicato agli inizi degli anni ’50, è diventato una delle testimonianze più drammatiche e dolorose delle persecuzione contro gli ebrei. Una lettura quasi d’obbligo per i nostri ragazzi, per non dimenticare la spietata tragedia avvenuta in Europa 80 anni fagiornata.

La realtà virtuale che aiuta a capire

Ann Frank House VR propone un tour “virtuale” del rifugio di Anna e della sua famiglia. Quando Hitler prese il potere, i Frank si spostarono ad Amsterdam per sfuggire alle persecuzioni naziste. L’inizio della Seconda Guerra Mondiale e l’invasione dell’Olanda costrinsero però i Frank a nascondersi in un rifugio improvvisato, dove vissero per anni in clandestinità.

La applicazione è una sorta di documentario in Realtà Virtuale che mostra gli ambienti del rifugio in successione, partendo dalla porta nascosta dietro una libreria ruotante fino alla soffitta dove Anna si rifugiava con l’amico di sventura Peter. Durante l’esplorazione, è la stessa Anna a raccontarci brevi istanti di vita clandestina: brevi estratti dal suo diario che raccontano momenti di vita familiare, cosa si mangiava, l’importanza dei libri per evadere dalla realtà o persino la passione di Peter per l’enigmistica. C’è molta disperazione, si vive – come nel diario – il terrore quotidiano di essere scoperti dai nazisti. Ma c’è anche speranza e amore.

Il rifugio è volutamente vuoto: non vedrete né gli ebrei nascosti, né i nazisti che, una mattina del ’44, entrano furiosi  e feroci per arrestare i Frank e i loro amici. Forse per questo, quando alla fine il “documentario” virtuale si chiude raccontando l’esito che tutti conosciamo già, ovvero che degli otto occupanti del rifugio solo il padre di Anna si salverà dai campi di sterminio, il colpo allo stomaco arriva, anche se si è già preparati. Un colpo allo stomaco che però consigliamo a tutti, e da far vivere anche ai nostri figli, perché – come dicevano i latini – chi non conosce la Storia è costretto a ripeterla, avvertimento è quanto mai attuale nel nostro tempo.

La App può essere scaricata su dispositivi VR Oculus (visore Oculus Go, oppure Samsung VR, o visori per PC) ed è gratuita. La narrazione è disponibile in diverse lingue (tra cui inglese e francese), ma non in italiano. È possibile attivare i sottotitoli (assenti però nella nostra lingua). Potete scaricarla qui